Il “made in Italy” e la lenta economia italiana

Un corsivo pubblicato sull’ultimo numero dell’Economist spiega come il mito del “made in Italy” possa spesso trasformarsi da formidabile brand in un freno tirato per le nostre esportazioni di beni servizi ed idee. In particolare perché dietro al marchio “made in italy” si celano quasi sempre forti spinte protezionistiche.

La conclusione mia (e dell’economist) è che la speranza di crescita può solo stare nell’aprirsi maggiormente al mondo alle sue esigenze ed alle sue opportunità.

 

0001 pizza

Riferimenti:

Autore: Michele Schweinöster

Manager internazionale con profonda conoscenza degli ambiti dei beni durevoli di consumo e delle macchine, funzionalmente esperto nelle aree di service, logistica e vendite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *